Secondo l’articolo 37 del D.Lgs. n. 81 del 2008, il datore di lavoro deve assicurare a ciascun lavoratore una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza, con particolare riferimento ai concetti di rischio, danno, prevenzione, organizzazione della prevenzione aziendale, dei diritti e dei doveri dei vari soggetti aziendali e degli organi di vigilanza, controllo e assistenza. Ovviamente, i rischi e le misure di prevenzione devono essere correlati alle mansioni svolte dai lavoratori.

 

Chi è un lavoratore?

Il decreto legislativo n. 81 del 2008 definisce il lavoratore come una persona che svolge un’attività lavorativa, indipendentemente dal tipo di contratto, anche senza retribuzione, al fine di apprendere un mestiere, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari.

 

Formazione impiegati in materia di sicurezza sul lavoro

La formazione dei lavoratori si compone di due parti: la formazione generale e la formazione specifica. La prima è uguale per tutti, mentre la seconda si differenzia in base al tipo di lavoro svolto dai dipendenti. Troviamo la formazione specifica a basso rischio, quella a medio rischio e infine quella ad alto rischio.

La formazione del lavoratore deve avvenire in occasione della costituzione del rapporto di lavoro, a seguito di trasferimento lavorativo, a fronte del cambiamento delle mansioni lavorative, oppure in conseguenza dell’introduzione di nuove attrezzature o prodotti. La formazione generale non deve essere aggiornata, invece per la formazione specifica è previsto un aggiornamento ogni cinque anni.

formazione sicurezza impiegati

 

In questo articolo prendiamo in esame la formazione specifica a basso rischio, della durata di 4 ore, tipica degli impiegati (ma non solo), che normalmente per lavoro devono utilizzare i videoterminali.

 

Cos’è il videoterminale?

Per lavoro al videoterminale dobbiamo considerare tutte le attività che comprendono l’immissione di dati, la trasmissione di dati, l’elaborazione di testi, effettuate tramite l’uso del computer e delle sue parti, come ad esempio la tastiera, il mouse, lo schermo, le apparecchiature connesse, la stampante, il modem, il telefono, il supporto per i documenti, la sedia e la scrivania. Il videoterminalista è colui che utilizza il videoterminale per almeno 20 ore alla settimana.

Non devono essere intesi come videoterminali le attrezzature situate nei posti di guida, i sistemi informatici montati a bordo dei mezzi di trasporto, i mezzi destinati all’utilizzo da parte del pubblico, le attrezzature portatili se non utilizzati in maniera prolungata per l’attività lavorativa, le macchine calcolatrici come i registratori di cassa e le macchine di videoscrittura senza schermo separato.

 

Quali sono i rischi del videoterminalista?

Durante la formazione specifica a basso rischio, viene esaminata la norma UNI EN ISO 9241-5, che affronta i rischi degli impiegati videoterminalisti e definisce i “requisiti ergonomici per il lavoro d’ufficio con i videoterminali”. I rischi dei videoterminalisti sono principalmente legati a possibili problemi alla vista, come bruciore agli occhi e rossore, mal di testa, stanchezza, insonnia, problemi legati alla postura e all’apparato muscolo-scheletrico. È importante informare i lavoratori su come stare seduti nel modo corretto per evitare l’insorgenza di questi problemi.

corretta postazione impiegati computer

la corretta postazione al vidoterminale

 

La formazione specifica a basso rischio affronta come devono essere disposte e regolate le attrezzature che compongono il videoterminale, quindi lo schermo, la tastiera e dispositivi di puntamento, il piano di lavoro, la seduta ed eventuali computer portatili. Il docente spiega come deve essere organizzato l’ambiente lavorativo, prendendo in esame lo spazio, l’illuminazione, il rumore, le radiazioni, le vibrazioni e i parametri microclimatici.

Durante il corso viene spiegata anche l’importanza della sorveglianza sanitaria presso il medico del lavoro competente. Questo controllo viene normalmente effettuato ogni cinque anni, salvo diverse indicazioni del medico, ma superati i cinquant’anni d’età il lavoratore deve sottoporsi alla visita ogni due anni.

 

Come viene erogato il corso sicurezza impiegati?

Innova offre ai propri clienti diverse modalità di erogazione della formazione specifica a basso rischio: è possibile seguire il corso nella classica modalità in aula, presso le sedi di Ponte San Nicolò e di Limena, ma è possibile usufruire anche della modalità in videoconferenza e in e-learning. Puoi approfondire con i link qui sotto:

 

Leggi l’articolo sulla formazione sicurezza in videoconferenza

 

Leggi l’articolo sulla formazione in e-learning

 

Per altre informazioni, contattaci, lo staff di Innova è a tua disposizione